fbpx

Top 15 Musei e Siti Archeologici Italiani [Instagram bar race 🏎]

Top 15 Musei e Siti Archeologici Italiani [Instagram bar race 🏎]

Top 15 Musei e Siti Archeologici Italiani [Instagram bar race 🏎]
Condividi

Si chiamano Bar Chart Race, questi grafici animati che mostrano l’andamento in progressione di un determinato valore. Una vera e propria gara che evidenzia quali soggetti, mese dopo mese, sono in grado di scalare la classifica o, al contrario, perdono posizioni.

In questo post presento l’analisi di un settore a me molto caro che è quello dei musei e dei siti archeologici italiani prendendo in esame l’engagement (somma di Like e Commenti) dei profili Instagram delle principali realtà negli ultimi due anni e mezzo (quasi) dal 1 gennaio del 2019 al 26 Maggio 2021.

Il profilo Instagram di Gallerie degli Uffizi è stabile al primo posto per tutto il periodo con ampio distacco su tutti gli altri. Oltre 6,5 milioni di interazioni accumulate nel periodo che testimoniano il grande lavoro e il grande impatto sul fronte digital di questa realtà. Stesso discorso per Pompei, al primo posto tra i siti archeologici. Notate poi la scalata, a partire dal 2020, del profilo dei Musei Vaticani, prima non attivo su instagram, e giunto tra le posizioni di vertice nel giro di un anno.

Al di là della “simpatica” gara dei profili e dei numeri importanti di interazioni registrare dai migliori musei italiani sui social c’è da fare una riflessione importante sulle potenzialità non ancora sfruttate in termini di comunicazione e marketing da parte del sistema. In proposito avevo riportato in questo post i dati salienti dello “stato dell’arte” dell’adozione del digital nel comparto dei beni culturali.

Vincenzo Dell'Olio

Nei 18 anni di esperienza nel settore della comunicazione e del markerting digitale ha ideato e seguito le strategie di grandi Aziende come Volkswagen, Audi, Parmalat, Bonomelli, Riza Editore, Rai Trade, Monster, Sony Mobile, Vans, Red Bull. Dal 2015 è docente per il corso di Social Media e Web TV all’Università IULM di Milano. Dal 2021 insegna Digital Content Strategy allo IED. Scrive tanto, analizza, non è immune dalle serie tv e il sabato pomeriggio si dedica alla sociologia.

Lascia un commento