fbpx

[ANALISI] Campionato di Calcio di Serie A. Su Facebook vincono Juventus e Milan ma occhio al Bologna.

L’inizio di questa settimana potrebbe essere intitolato: “il processo del lunedì”. Oggi infatti analizzo e approfondisco lo stato del campionato di calcio italiano di Serie A e lo faccio per quello che mi compete ovvero: il mondo Facebook (strumento d’analisi: Fanpagekarma).
Al primo Febbraio 2016 il Milan resta la squadra regina per numero di Fan con oltre 24 mln di fan. Al secondo posto la Juventus con 21 mln. Staccati tutti gli altri a dimostrare come la componente di Fan internazionali faccia la differenza nella classifica generale.
Fan Pagine Facebook Team Serie A
Avere tanti fan, lo sappiamo, non basta. Sopratutto nei periodi in cui la squadra non brilla (ad esempio nell’ultimo mese nel caso di una squadra come il Milan) la voglia di interagire con un like, un commento o una condivisione va scemando. E’ per questo che la classifica per volume di interazioni nell’ultimo mese (1-31 Gennaio 2016) mostra una supremazia indiscussa della Juventus con oltre 4 Mln. di interazioni contro il “solo” milione e mezzo del Milan seguito da Inter, Roma e Napoli a giocarsi i piazzamenti Champions League del mondo Social. Lazio e Fiorentina completano la lista delle 7 sorelle del campionato Italiano. Retrocesse, in questa speciale classifica come in quella per numero di fan sono: Udinese, Empoli e Frosinone.
Interazioni Totali Pagine Facebook Team Serie A
Nella visione che incrocia Interazioni e Fan appare evidente come al momento la Juve sia la società che capitalizza meglio l’elevato seguito.
Chart Facebook Serie A - Leader
Interessanti anche i dati che mostrano il rapporto percentuale tra numero di fan e numero di interazioni (Engagement) con Frosinone e Bologna a registrare le performance migliori. Insomma, pochi fan, si, ma in percentuale abbastanza interattivi. A questo dato ne associo un altro che è quello sulla crescita percentuale maggiore della propria base fan nell’ultimo mese e che vede Sassuolo e Carpi in testa. Insomma, sono un po’ quelle che vengono definite le “squadre simpatia” del campionato. Tra queste 4 squadre direi che il Bologna è quella con i dati migliori sia in termini percentuali che per valori assoluti per cui merita il titolo di: squadra rivelazione del social fino a questo momento.
Engagement Pagine Facebook Team Serie A
Nei prossimi post sul tema analizzerò la content production delle varie squadre con immagini, notizie e video che coinvolgono di più i fan. Una sorta di classifica marcatori con i gol più belli.
Per ora dal Facebook Stadium è tutto, a voi studio e buon “social” campionato a tutti.

[VIDEO] I 5 spot più virali del 2015

Non importa quanto sei in grado di sborsare per dare visibilità ad un video, la viralità non la si compra. Piuttosto, se sei bravo, puoi inventare qualcosa ad alto potenziale virale. Ma anche li di scientifico c’è solo una parte, piccola, legata allo standard usato per raccontare un prodotto o un brand.
E’ proprio quella piccola parte che cerco di scovare analizzando periodicamente i video più condivisi del web. Capire “cosa sta funzionando di più“. Intravedere i pilastri di storytelling che ci stanno dietro.
Questa volta passiamo in rassegna i 5 video con il più alto numero di share del 2015. Nel caso dei video di seguito vedrete come un punto in comune in almeno 3 di loro (4 se consideriamo i pupazzi Disney) sono gli animali e l’effetto “tenerezza” che si portano dietro. In 2 su 5 il video è montato con la tecnica della candid camera registrata in luoghi pubblici, altro format storicamente comune ai top video virali.
Lato testimonial va considerato che solo in un video su 5, quello di Roc con Cristiano Ronaldo, a parlare del brand è un personaggio famoso (e con un potenziale social reale rispetto a tanti altri vip utilizzati dai brand). Forse vale la pena utilizzarli solo in casi in cui si è in grado di mettere in campo, scusate il gioco di parole, qualcuno che può davvero contare su un seguito di social fan.
Non emerge un’indicazione definita per quanto riguarda la durata del video. Facendo una media aritmetica della lunghezza dei 5 video verrebbe da dire che un video virale può raggiungere anche i 2 minuti e mezzo. E’ evidente però che dilungarsi troppo sia sempre rischioso e rischia di frazionare il numero di utenti che arrivano alla fine del video.
A proposito di fine, l’ultima considerazione è come prevalga nella maggior parte dei video la collocazione e la visibilità del brand al termine della storia, in alcuni casi, senza nemmeno che ne sia davvero protagonista.
Adesso non vi tocca che dare dedicare 12 minuti alla visione dei video. Buona visione:

5° Posto – Budweiser “Lost Dog”

4° Posto – Roc by Ronaldo “Cristiano Ronaldo in Disguise”

3° Posto – Purina “Puppyhood”

2° Posto – Disney Parks “Disney Characters Surprise Shoppers”

1° Posto – Android “Friends Furever”.


Come sempre accade poi, quando qualcosa diventa Virale, partono le parodie che cercano di cavalcarne il successo. Anche imitare o prendere in giro è parte del marketing. Guardate qui:

Se siete interessati ad approfondire l’analisi ecco la classifica fino alla posizione 20 pubblicata da Unruly.
video-viral-2015-chart

[Tool] I migliori strumenti per gestire (e misurare) i Social Media.

Periodicamente ci interroghiamo su quali siano i migliori tool per gestire attraverso un’unica interfaccia i propri canali Social. Ecco una lista presentata da G2 Crowd attraverso un’immediata classifica dei migliori.
Costi ed esigenze specifiche vi aiuteranno a scegliere il più giusto per voi. Intanto questi i migliori suddivisi per 4 categorie:

 

  • I più famosi: sono i tool più utilizzati e diffusi (quindi è ipotizzabile abbiano buone risorse per lavorare al potenziamento delle loro soluzioni) e al tempo stesso con il livello di soddisfazione più alto degli utenti.
    Hootsuite, Sprout Social, e TweetDeck
  • I più performanti: sono quelli con un alto livello di soddisfazione degli utilizzatori ma con un più limitato potere di diffusione sul mercato.
    AgoraPulse, Sendible, Viralheat, Buffer, and GroSocial
  • I Contendenti: in questo momento è uno, il tool Facebook per la gestione delle pagine che, seppur con un tasso moderato di gradimento degli utenti, ha un elevata diffusione e grandi risorse per lo sviluppo.
    Facebook Pages Manager
  • La Nicchia: raccoglie quei prodotto con un basso numero di recensioni legate a una diffusione sul mercato abbastanza limitata.
    Spredfast, Lithium, Shoutlet, Gremln, e Sprinklr
Strumenti Gestione Social
Personalmente e dopo diversi tentativi (Hootsuite, Sprout, Facebook Pages) attualmente sto collaudando con diversi team di lavoro Agora Pulse e credo che tra le funzionalità di gestione e quelle di produzione di reportistica sia effettivamente tra i migliori come testimonia l’analisi.
Restano però alcuni dettagli da affinare soprattutto nella parte di analisi e nello sviluppo di un’app Mobile visto che ormai gestione e moderazione non conoscono orari d’ufficio e capita di dover intervenire anche mentre si è in metro, spiaggia o in palestra a smaltire tossine ;-).

 

Se volete approfondire tutti gli altri tool studiate un pò le recesioni di su questa pagina. C’è l’imbarazzo della scelta e ce n’è per tutti i gusti e le dimensioni aziendali.
Se avete un’esperienza specifica, positiva o negativa, raccontatemela commentando questo post.

1 2