Creatività, regole e big data. Come trovare l’equilibrio giusto per i tuoi Social?

Creatività, regole e big data. Come trovare l’equilibrio giusto per i tuoi Social?

Ci sono settori, e di conseguenza brand, in cui impostare un piano di contenuti Social è più difficile rispetto ad altri. Le principali difficoltà arrivano da due opposte necessità o, se preferite, da due possibili richieste del cliente:

  1. Voler comunicare efficacemente ma in modo totalmente disruptive e altamente “creativo” attraverso contenuti nuovi e originali.
  2. Dover comunicare in modo altrettanto efficace rispettando però diverse feree regole di condotta e “tone of voice” tipici del settore.
CONTINUA A LEGGERE

[Ispirazioni] La campagna TwinWash di LG

Si chiama TwinWash ed è una lavatrice con doppio cestello che permette di lavare contemporaneamente due tipologie di bucato con i relativi programmami di lavaggio. Il payoff recita: “lavi insieme tessuti resistenti e capi delicati” e partendo da questo dualismo ecco un fotomontaggio semplice ma molto efficacie con un’ironia distintiva e riproducibile in una campagna multisoggetto.
Eccola a voi, giudicate:

[Ispirazioni] Loctite, una campagna multisoggetto dallo stile Social.

Nel post precedente parlavo della necessità di guardare al mondo della pubblicità tradizionale per imparare a costruire contenti identitari anche sui Social.
Una delle campagne tradizionali che di recente mi ha fatto pensare: “questa roba funzionerebbe anche su Facebook” è  quella di Loctite per la promozione della sua colla a presa rapida in 60 secondi ideata dall’agenzia pubblicitaria di Belino Heimat.
Grafica illustrata con uno stile vintage, un copy raccontato attraverso situazioni creative e spesso assurde, il prodotto presente ma poco invasivo, un payoff che diventa “tormentone”. È chiaro che per questo non bastano immagini da banche dati e community manager che si improvvisano copywriter. Per questo servono professionalità verticali ma sono convinto che varrebbe la pena investirci.
Date un’occhiata e ditemi che ne pensate.