fbpx

Quando è meglio pubblicare un contenuto sui Social o inviare una DEM?

Quando è meglio pubblicare un contenuto sui Social o inviare una DEM?

La scorsa settimana un mio studente mi ha chiesto: QUANDO È MEGLIO PUBBLICARE UN CONTENUTO ONLINE?

Al netto delle mille raccomandazioni e analisi che io stesso e tutti i miei colleghi facciamo il primo consiglio che mi sento di dare è di non prendere mai per ASSOLUTA nessuna indicazione. Non esistono formule magiche che dicono: “pubblica il mercoledì alle 5.12 PM e avrai un maggior numero di interazioni”.

Tuttavia non per questo bisogna lasciare del tutto casuale il timing di pubblicazione dei contenuti o di invio delle nostre mail commerciali o informative. Un approccio ideale al tema tiene in considerazione almeno 6 elementi che andrebbero tracciati, analizzati e incrociati tra loro:

  • Il canale. In italia alcuni canali vengono vissuti più di mattina (LinkedIn, Siti di News), altri di pomeriggio (es. Facebook, YouTube, eMail), altri ancora più di sera (Twitter, Instagram, Pinterest). Poi ciascun canale ha picchi specifici anche in altre singole fasce orarie, ad esempio Instagram viene visto molto anche di prima mattina o nella fascia del pranzo.
CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: boom di Live e Contenuti Premium

Coronavirus: boom di Live e Contenuti Premium

Con la permanenza in casa è cresciuto il consumo ma anche l’offerta di contenuti Live o speciali diffusi su diversi social e piattaforme.

Due le necessità:

🙄la mancanza di interazioni fisiche invoglia a cercare alternative online
😎le tensioni date dal contesto socio-sanitario vengono riequilibrare dalla ricerca di puro intrattenimento.

Live Interviste Jovanotti Sorriri e Canzoni Montemagno - Coronavirus
CONTINUA A LEGGERE

Creatività, regole e big data. Come trovare l’equilibrio giusto per i tuoi Social?

Creatività, regole e big data. Come trovare l’equilibrio giusto per i tuoi Social?

Ci sono settori, e di conseguenza brand, in cui impostare un piano di contenuti Social è più difficile rispetto ad altri. Le principali difficoltà arrivano da due opposte necessità o, se preferite, da due possibili richieste del cliente:

  1. Voler comunicare efficacemente ma in modo totalmente disruptive e altamente “creativo” attraverso contenuti nuovi e originali.
  2. Dover comunicare in modo altrettanto efficace rispettando però diverse feree regole di condotta e “tone of voice” tipici del settore.
CONTINUA A LEGGERE

[Ispirazioni] La campagna TwinWash di LG

Si chiama TwinWash ed è una lavatrice con doppio cestello che permette di lavare contemporaneamente due tipologie di bucato con i relativi programmami di lavaggio. Il payoff recita: “lavi insieme tessuti resistenti e capi delicati” e partendo da questo dualismo ecco un fotomontaggio semplice ma molto efficacie con un’ironia distintiva e riproducibile in una campagna multisoggetto.
Eccola a voi, giudicate:

[Ispirazioni] Loctite, una campagna multisoggetto dallo stile Social.

Nel post precedente parlavo della necessità di guardare al mondo della pubblicità tradizionale per imparare a costruire contenti identitari anche sui Social.
Una delle campagne tradizionali che di recente mi ha fatto pensare: “questa roba funzionerebbe anche su Facebook” è  quella di Loctite per la promozione della sua colla a presa rapida in 60 secondi ideata dall’agenzia pubblicitaria di Belino Heimat.
Grafica illustrata con uno stile vintage, un copy raccontato attraverso situazioni creative e spesso assurde, il prodotto presente ma poco invasivo, un payoff che diventa “tormentone”. È chiaro che per questo non bastano immagini da banche dati e community manager che si improvvisano copywriter. Per questo servono professionalità verticali ma sono convinto che varrebbe la pena investirci.
Date un’occhiata e ditemi che ne pensate.