fbpx

30 branded content sulla Banana di Cattelan

30 branded content sulla Banana di Cattelan

Uno si chiede “ma questa è arte?”. È già successo, capiterà ancora. Ce lo siamo domandato davanti alla scatola di fagioli Campbell di Andy Warhol, guardando l’orinatoio di Duchamp o studiando attentamente il vasetto “merda d’artista” di Piero Manzoni.

La risposta è sempre la stessa: Si. L’arte è l’atto di dare forma ad un pensiero, qualsiasi esso sia. L’arte non deve essere bellezza, non necessariamente tecnica convenzionale, non può essere ridotta o esaurita con una spiegazione verbale poiché linguaggio essa stessa, da sola.

L’arte è emozione, creatività, espressione ma quel che mi colpisce di più, l’opera d’arte è materia viva, mutevole in base al contesto storico, a quello sociale, alle reazioni e alle interazioni con media, massa, artisti e persino brand.

CONTINUA A LEGGERE

Earth Day: 10 ispirazioni dai post Facebook

Il 22 Aprile in tutto il mondo si celebra l’Earth Day, o se preferite in Italiano: “la giornata della terra”, l’evento che sensibilizza tutti gli abitanti di questo pianeta a comportamenti responsabili e sostenibili per salvare l’ambiente e con questo la Terra stessa.
Anche l’Earth Day, da qualche anno, è uno dei momenti di Real Time Marketing che diversi brand raccontano e inseriscono all’interno dei propri piani editoriali Social per sottolineare, ciascuno in base al DNA aziendale, la propria vicinanza al tema. Rispetto ad altri argomenti però la diffusione di post su questa ricorrenza non è così elevata. Ogni azienda, di fatto anche la più virtuosa, sa di poter essere attaccabile in qualche modo per cui parecchie, ad oggi, preferiscono il silenzio.
A questo punto qualcuno si chiederà: cosa racconto della mia azienda a proposito dell’Earth Day? Come mi mostro sensibile al tema della Giornata della Terra?
Vediamo alcuni esempi di post Facebook che possano essere di ispirazione:
Iniziamo da un marchio Automotive, settore spaccato a metà tra chi si avvicina al tema dell’ecologia e chi continua ad ignorarlo perché troppo vulnerabile. Uno dei brand che fa della mobilità a ridotto impatto ambientale un cavallo di battaglia è Toyota. Ecco il suo post.

Il treno è un mezzo di trasporto infinitamente più ecologico rispetto all’auto e ad altri mezzi di trasporto. È su questa leva che si basa l’approfondimento di Trenitalia legato all’Earth Day e pubblicato sulla pagina Frecciarossa.

Passiamo al mondo del giardinaggio e a Leroy Merlin, uno dei marchi più celebri legati al fai da te. In questa giornata ci mostra un video tutorial su Come realizzare un orto.

Un minimo sindacale da tenere sempre presente si traduce in post come quelli della pagina Lete. Certo però non ci si può aspettare grandi interazioni.
earth-day-post-facebook-lete
La pagina Internazionale di Discovery dedica una serie di contenuti monotematici a questa giornata. Tante statistiche sull’inquinamento ma anche sulle conseguenze di comportamenti virtuosi e video come questi due (geniale il secondo che associa i consigli virtuosi a immagini di animali che attirano sempre l’attenzione):

Non può mancare in questa rassegna il post di WWF Italia, pagina chiaramente coinvolta in primissima fila nella difesa del pianeta.
earth-day-post-facebook-wwf-italia
Questo è il video, da manuale del creativo ma anche di alta qualità, della pagina dei biscotti Pan di Stelle.

Lidl tratta la ricorrenza come un’occasione per rimandare gli utenti Facebook ad approfondire a 360 grandi la filosofia CSR dell’azienda
earth-day-post-facebook-lidl-italia
Con le lavatrici Samsung si aiuta a salvare la terra? Io non lo so ma loro supportanti dai dati GFK (citati nella didascalia del post) dicono di si. Ecco il post, video anche questo:

Dunque le strade sono diverse, sia che siate o che non siate direttamente connessi attraverso un servizio o un prodotto alla salvaguardia del pianeta. Tutto quello che dovete fare è guardarvi allo specchio e valutare se in qualche modo sia davvero una causa di cui possiate dirvi “FAN”.

[Infografica] GDO, leader e follower a inizio 2017: Esselunga e Lidl al top.

Dopo un anno dall’ultima analisi è arrivato il momento di  aggiornare i dati sulle performance social del settore della grande distribuzione organizzata Italiana. Nelle analisi precedenti effettuate nel 2014 e nel 2015 Lidl e Carrefour erano risultati in assoluto i leader indiscussi del settore staccando di molto tutte le altre insegne. Di fatto questi due marchi sono stati, negli ultimi due anni, un punto di riferimento per le insegne che si sono affacciate alla comunicazione social o che avevano bisogno di conferme per riporre una maggiore fiducia nel mezzo. Un anno dopo gli ultimi rilevamenti le cose sembrano essere cambiate.
Due gli eventi chiave: l’ingresso nel panorama social di Esselunga, prima assente, e la presa di coscienza da parte di altri attori del mercato dell’importanza di sponsorizzare i contenuti e strutturare maggiormente i propri piani editoriali Facebook. Ecco dunque, nell’infografica seguente, la nuova fotografia dal punto di vista quantitativo del settore.
Gdo italia facebook infografica
Negli ultimi 12 mesi Esselunga è diventato leader del settore per numero di interazioni totali e interazioni medie per post mentre brand come Eurospin grazie ad un fitto piano editoriale con volumi di più di due post medi al giorno e investimenti in adv e fan acquisition è diventato il terzo brand del settore dopo Lidl per numero di interazioni totali ricevute nei mesi d’analisi (settembre-dicembre 2016). Cosa succederà nel 2017? Vedremo risposte e investimenti crescenti anche degli altri brand? Carrefour, sceso per la prima volta dal podio, ma pur sempre con una delle migliori strategie social (è il secondo miglior brand per interazioni medie per post), deciderà di riprendersi la leadership a suon di iniziative, concorsi, testimonial di tendenza e sopratutto budget pubblicitari? La sfida è lanciata.


1 2