fbpx

StopOnlineAbuse, la campagna che comunica senza comunicare.

StopOnlineAbuse, la campagna che comunica senza comunicare.

StopOnlineAbuse, la campagna che comunica senza comunicare.
Condividi

NON COMUNICARE sui social media per COMUNICARE ai social media. È davvero utile? Il dibattito è aperto da sempre, da quando è nato il concetto di “silenzio stampa” ancora oggi molto utilizzato sopratutto dalle squadre di calcio.
In questo caso si tratta della scelta di diversi club, federazioni calcistiche, giocatori e sponsor inglesi per protestare contro il razzismo online, quello diffuso nei commenti social degli utenti. Hashtag della campagna: #StopOnlineAbuse.

Per tre giorni, dal pomeriggio del 30 aprile a domenica 2 maggio, silenzio assoluto sui propri profili SOCIAL. L’obiettivo dichiarato: sensibilizzare le social media company a intervenire con più decisione filtrando ogni commento e messaggio discriminatorio e regolamentando e rendicontando in modo più deciso e trasparente i propri interventi in questo senso. 

Contrastanti (come sempre) i commenti ai post che lanciano l’iniziativa. Tanti gli utenti che applaudono ma molti anche i perplessi circa l’efficacia – “solo 3 giorni?”, “non servirà a nulla”, “se solo le persone si sentissero coinvolte come per temi come la Superlega” – o la coerenza – “i club e il sistema sono i primi a discriminare”.

Che sia o meno la strada giusta mi sembra interessante rilevare questa ulteriore evoluzione dei rapporti tra brand, valori etici e canali di comunicazione. Forse nell’immediato non porterà frutti ma quando la mobilitazione diventa protesta, si espande coinvolgendo nuovi, rilevanti, partecipanti e soprattutto sovverte la quotidianità degli utenti persino stare in silenzio può, ogni tanto, generare effetti importanti. Intanto, a ridosso del lancio, anche alcune federazioni italiane hanno aderito all’iniziativa.

Chiudo sottolineando che la sensibilità del movimento sportivo inglese verso questo tema non vive in maniera estemporanea e con questa iniziativa in cui a essere protagonista è il silenzio ma viaggia in parallelo ad altri progetti come quelli di alcune squadre di calcio che chiedono ai propri supporter di attivarsi segnalando e riportando i vari abusi e le discriminazioni rilevate combattendo indifferenza o, peggio, omertà. Ecco un paio di esempi di squadre come Liverpool e Manchester United che andrebbero imitati anche in casa nostra.

Vincenzo Dell'Olio

Nei 18 anni di esperienza nel settore della comunicazione e del markerting digitale ha ideato e seguito le strategie di grandi Aziende come Volkswagen, Audi, Parmalat, Bonomelli, Riza Editore, Rai Trade, Monster, Sony Mobile, Vans, Red Bull. Dal 2015 è docente per il corso di Social Media e Web TV all’Università IULM di Milano. Dal 2021 insegna Digital Content Strategy allo IED. Scrive tanto, analizza, non è immune dalle serie tv e il sabato pomeriggio si dedica alla sociologia.

Lascia un commento