fbpx

Innovazione Digitale in Sanità: la rivoluzione post Covid19

Innovazione Digitale in Sanità: la rivoluzione post Covid19

Innovazione Digitale in Sanità: la rivoluzione post Covid19
Condividi

Molto interessanti le evidenze tratte dall’analisi dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 2020. Il messaggio dei dati è chiaro: l’approccio all’utilizzo degli strumenti digitali dopo l’emergenza Covid19 è cambiato. La digitalizzazione sta prendendo piede in maniera più diffusa e con pratiche più differenti rispetto al passato.

Alcuni dati ripartiti per le diverse fasi di quello che potremmo definire: il “customer journey” del paziente:

RICERCA DI INFORMAZIONI
Tra il 60 e l’80% dei cittadini si informa online su stile di vita corretto, problemi di salute, terapie e diagnosi (+20% rispetto al passato).

Fonte: Ricerca Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 2020


PRENOTAZIONE, PAGAMENTO E DOCUMENTAZIONE
È più che raddoppiato il numero delle persone che prenotano, pagano o scaricano i referti di una visita direttamente online e dall’altra parte i direttori sanitari sono d’accordo sul definire molto rilevante la necessità di organizzare le strutture in questa direzione.

Fonte: Ricerca Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 2020


APP PER LA SALUTE
Sempre più diffuse le app per la salute anche se con differenti intenti e possibilità di raccogliere dati interessati dal punto di vista medico.

Fonte: Ricerca Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 2020


TELEMEDICINA
Cresce il numero sia dei medici che dei cittadini interessati al format della telemedicina e intenzionati a sperimentare una visita online.

IN CONCLUSIONE
🧬🧬🧬 Interessante una riflessione trasversale ai vari ambiti di innovazione e digital trasfromation: non tutte le attività di digitalizzazione dipendono solo dalla diffusione della cultura digitale presso l’utente finale. Affidabilità delle informazioni presenti online, Certificazioni delle App sulla salute, necessità di strumenti e servizi omnicanale sono solo alcuni dei potenziamenti e delle ottimizzazioni di cui ha bisogno la medicina del futuro.

Vincenzo Dell'Olio

Nei 15 anni di esperienza nel settore della comunicazione e del markerting digitale ha ideato e seguito le strategie di grandi Aziende come Volkswagen, Audi, Parmalat, Bonomelli, Riza Editore, Rai Trade, Monster, Sony Mobile, Vans, Red Bull. Dal 2015 è docente per il corso di Social Media e Web TV all’Università IULM di Milano. Scrive tanto, non è immune dalle serie tv e il sabato pomeriggio si dedica alla sociologia.

Lascia un commento