fbpx

Il Social media marketing degli Hotel Italiani: un’analisi su canali e performance nel 2024.

Il Social media marketing degli Hotel Italiani: un’analisi su canali e performance nel 2024.

Il Social media marketing degli Hotel Italiani: un’analisi su canali e performance nel 2024.
Condividi

Ha senso oggi promuovere un hotel utilizzando i social media? Come e dove lo fanno le strutture presenti in Italia? Per provare a rispondere a questa domanda ogni anno effettuo un’analisi sui profili social di un centinaio di strutture di varie dimensioni presenti ad ogni latitudine della penisola.

Ecco quello che, in sintesi, è venuto fuori nell’ultima rilevazione dal punto di vista quantitativo:

🚩 CANALI: Instagram e Facebook i più presidiati

la maggior parte degli hotel, quasi tutti, possiede almeno un profilo attivo su Facebook e/o Instagram. Il terzo canale più sfruttato è Youtube. Sono ancora pochi invece gli albergatori che decidono di presidiare TikTok. Tra quelli esaminati sono diversi gli alberghi che hanno aperto un profilo sul social cinese ma non hanno ancora pubblicato alcun post. Che stiano aspettando il momento migliore per attivarsi?!

💬 CONTENUTI: gli hotel sono attivi sui social con due post a settimana

Instagram è il canale più alimentato da parte di chi è attivo sul fronte social. Sono 114 i contenuti in media all’anno pubblicati sui profili delle strutture. Almeno due a settimana quindi. Al secondo posto con una frequenza solo di poco più bassa c’è Facebook. Terzo è TikTok che, per chi ce l’ha, viene alimentato con un contenuto in media a settimana. Un contenuto al mese invece è la media di pubblicazione su YouTube.

👍 INTERAZIONI: una potenzialità colta da pochi hotel

Pur essendo il canale in cui si posta di più Instagram non è più quello con le maggior potenzialità in termini di engagement. Se ci concentriamo su Like, Share, Commenti, un post su TikTok risulta di gran lunga più ingaggiante di uno su altri canali raccogliendo in media almeno 1.800 interazioni.

📈 TREND: Instagram non è più il miglior social per gli hotel

Se confrontiamo l’andamento delle interazioni medie per singolo profilo negli ultimi 12 mesi (Maggio ’23 – Aprile ’24) con quelle dei 12 mesi precedenti (Maggio ’22 – Aprile ’23) notiamo come nell’ultimo anno Instagram abbia ceduto la leadership di primo social del settore a TikTok e che per giunta a fronte di una crescita del rivale sia Instagram che Facebook siano in ribasso in termini di interazioni confrontate con quelle raccolte nell’anno precedente.

CONCLUSIONI:

Considerando le decine di migliaia di interazioni all’anno potenziali che ancora i social possono portare ad una struttura ha molto senso essere presenti e comunicare su questi canali. Tuttavia se lavori nel settore alberghiero e non hai ancora scelto di comunicare su TikTok stai perdendo un’occasione, questo è il momento giusto per iniziare.

📩 Se hai bisogno di un confronto sul tema e su quali siano le strategie migliori scrivimi un messaggio in nel form qui sotto 📩.

Vincenzo Dell'Olio

Negli oltre 20 anni di esperienza nel settore della comunicazione e del markerting digitale ha ideato e seguito le strategie di grandi Aziende come Volkswagen, Audi, Parmalat, Bonomelli, Rai, Monster, Sony Mobile, Vans, Red Bull. Dal 2015 è docente per il corso di Social Media e Web TV all’Università IULM di Milano. Dal 2021 insegna Digital Content Strategy allo IED. Scrive tanto, analizza di più, non è immune dalle serie tv. Sociologo, essenzialmente.