fbpx

La Digitalizzazione e il nuovo Customer Journey nel settore Moda e Lusso

La Digitalizzazione e il nuovo Customer Journey nel settore Moda e Lusso

Una strategia di marketing che funziona deve considerare l’intero Customer Journey, il percorso che porta gli utenti dall’identificazione di un’esigenza e di un brand fino all’acquisto di un prodotto. Partendo da questo assunto occorre tenere conto che oggi, molto più di un anno fa, ci troviamo di fronte ad un pubblico con un elevato livello di digitalizzazione per cui presidiare il customer journey significa attivare touchpoint online ad alte prestazioni.

Leggi tutto

? Italia, volano le vendite online dei prodotti. Un mercato da 22,7 miliardi e 29 milioni di acquirenti.

? Italia, volano le vendite online dei prodotti. Un mercato da 22,7 miliardi e 29 milioni di acquirenti.

È indubbio che il lockdown abbia dato la spinta che serviva anche in Italia portando il numero di eSHOPPER a 29 MLN di persone (stima Netcomm) per un valore stimato di ACQUISTI che verranno effettuati nel 2020 pari a 22,7 MLD di euro (stima Politecnico di Milano).

Ecco i dati e le previsioni più importanti emerse oggi durante l’evento dell’Osservatorio eCommerce B2C promosso dal Politecnico di Milano e focalizzato sulle vendite e gli acquisti di prodotti:

⬆️ La crescita del mercato online italiano nel 2020 è di +26% rispetto al 2019, l’incremento in valore assoluto più alto di sempre.

fonte: Osservatorio eCommerce B2C, Politecnico di Milano, 2020

↗️ L’Informatica ed elettronica di consumo vale 6 miliardi di euro (+18%) guidano le vendite di prodotto. Il Food&Grocery genera 2,5 miliardi di euro e con il +56% rappresenta il comparto in maggiore crescita. 

CONtiNUA A LEGGERE

10 take-away dal Netcomm Forum 2019

10 take-away dal Netcomm Forum 2019

Come ogni anno eccoci ad uno degli appuntamenti più interessanti per chi si occupa di eCommerce e marketing digitale. Il Netcomm Forum con i suoi dati di settore, il racconto delle best practice, dei trend e le testimonianze di chi con l’innovazione connessa alla promozione e alla vendita ci lavora e vive ogni giorno.

Per portarmi dietro alcuni dei dati e degli appunti di questa edizione provo a riassumere 10 trend e concetti emersi da alcuni degli interventi.

CONTINUA A LEGGERE

Netcomm Forum 2018, i punti chiave per prepararsi al next retail!

Netcomm Forum 2018, i punti chiave per prepararsi al next retail!

Le vendite online crescono, come ogni anno da quando esiste il Netcomm Forum. Ma la novità di quest’anno non è tanto rappresentata dai 27 miliardi stimati per il valore degli acquisti online da parte degli italiani (+15%). Non è nemmeno la differenza di crescita tra acquisto di prodotti pari a 15 miliardi (+25%) e l’acquisto di servizi pari a 12 (+6%).

La notizia invece è che facendo una proiezione a 3 anni sul mercato mondiale seppure la crescita delle vendite continui nel 2021 la maggior parte del fatturato legato alle vendite di servizi e prodotti sarà ancora generata dai negozi fisici (circa l’82% vs l’88% attuale). 

ecommerce - prodotti vs servizi

crescita ecommerce worldwide

È così che il tema di come collegare online e punto venduta fisico in ottica omnicanale e di come portare l’innovazione tecnologica nello stesso per accrescerne l’appeal sui consumatori non è più uno dei tanti cantieri aperti ma è diventato l’argomento centrale dell’Edizione 2018 del Netcomm Forum. Di cosa parliamo: di marketing e retargeting geolocalizzato in base ai punti vendita fisici, couponing, notifiche push in store, meccaniche di click & collect, presenza di display instore, pagamenti self service, controllo sulla disponibilità dei prodotti, offerte real time personalizzate, addetti alla vendita preparati.

Il contesto – la città, le sue infrastrutture di rete, le politiche di educazione al cittadino per l’utilizzo della tecnologia, la digitalizzazione della PA –  giocherà un ruolo importante e facilitatore per l’evoluzione dei retailer tradizionali influenzando la velocità dell’introduzione di metodi di pagamento innovativi, nuove esperienze in store, potenziamento dell’utilizzo e della funzione dei dispositivi mobile. In questo quadro certamente il comune di Milano si pone come capofila ed esempio per tutto il territorio Nazionale.

Ma è comunque sul fronte dei venditori che si aspettano grandi investimenti. I filoni da tenere d’occhio in modo incrociato a quello centrale dell’innovazione instore e su cui progettare attività sono gli stessi di sempre:

  • mobile first con la possibilità di poter dialogare con il consumatore sempre e ovunque grazie allo smartphone e alla fruizione social
  • i prodotti sono sempre più Touch Point di comunicazione andando oltre la loro funzione d’utilizzo
  • dati restano al centro del percorso strategico nell’evoluzione di prodotti, servizi e processi
  • l’evoluzione della virtualità (Realtà Aumentata, Visori ottici, Realtà virtuale, etc.) accrescono le possibilità di interazione di e con il cliente. 
  • Anche la fabbrica diventa intelligente definendo meccaniche di produzione in base ai flussi delle richieste e agli storici
  • wearable modificano i comportamentinext retail netcomm commerce forum

Tra le novità su cui drizzare le antenne in prospettiva vanno sottolineati i ruoli di:

  • Internet of Things e Intelligenza Artificiale che permetteranno di automatizzare i device (basti pensare agli elettrodomestici intelligenti) e i processi di acquisto,
  • casa e auto che diventano vere piattaforme digitali renderanno la connessione del singolo utente always on,
  • accesso vocale a contenuti e informazioni che, con le sue molteplici forme, diventa un nuovo canale con ricadute su molteplici campi tecnologici e di marketing, dalla revisione della SEO alla capacità di dialogo con i vari speaker e software intelligenti (Google Assistant, Amazon Alexa, Siri, etc..)
  • logistica che sarà sempre più flessibile nelle meccaniche di consegna e ritiro delle merci. La possibilità di consegna sempre e ovunque e la robotizzazione dei magazzini definiranno nuovi standard.

Insomma, tante aree, tante possibilità ma anche tanta complessità. Di certo c’è molto da lavorare. A che punto è il vostro percorso?

future of retail