Amazon Prime Day, i dati di un successo inarrestabile

Amazon Prime Day, i dati di un successo inarrestabile

Quest’anno, con il Prime Day esteso a 48 ore, gli analisti stimano che le vendite globali di Amazon oscilleranno attorno ai 6 miliardi di dollari.

In attesa dei dati ufficiali una cosa è certa: al suo quinto anno questo evento è ormai diventato un’istituzione tra i “momenti di consumo” online al pari del Black Friday e del Cyber Monday.

CONTINUA A LEGGERE

Customer Journey di un E-Commerce: cos’è e cosa lo influenza.

Customer Journey di un E-Commerce: cos’è e cosa lo influenza.

Quando parliamo di Customer Journey online e più precisamente del customer journey di un sito di vendita online parliamo del percorso che un utente fa navigando nel sito dal momento dell’atterraggio alla possibile finalizzazione dell’acquisto.

È fisiologico, in questo “viaggio”, che più di 4 utenti su 10 giunti sullo shop online escano subito dopo l’atterraggio (Bounce Rate) ritenendo poco aderente il sito alle proprie aspettative per molteplici motivi che vanno dal contenuto all’estetica passando alle performance stesse (es. velocità di apertura delle pagine).

CONTINUA A LEGGERE

27 bisogni del consumatore a cui rispondere attraverso il Content Marketing

27 bisogni del consumatore a cui rispondere attraverso il Content Marketing

Quando costruiamo contenuti, a prescindere che questi abbiano come destinazione social network, portali online, caselle mail, app, cartellonista, tv, radio o qualunque altro canale di contatto con l’utente è fondamentale non concentrarsi solo sulle caratteristiche del prodotto ma ricordare i (tanti) bisogni del consumatore a cui un prodotto in maniera più o meno diretta può rispondere.

Per riassumere questi bisogni e tenerli sempre presenti e sotto gli occhi ho provato ad elencarli in un’infografica pronta all’uso. Eccola…

CONTINUA A LEGGERE

WeChat è pronta per l’Internet of Veichles.

WeChat è pronta per l’Internet of Veichles.

A maggio di quest’anno, Tencent ha annunciato una partnership con 19 case automobilistiche per integrare WeChat (app da 1 miliardo di utenti) sui nuovi modelli in uscita.

L’idea è quella di poter utilizzare l’app attraverso comandi vocali non solo per funzioni base di messaggistica ma anche per una serie di servizi e attività collegati all’utilizzo stesso dell’auto come ad esempio: cercare ristoranti nelle vicinanze, controllare i prezzi della benzina delle varie stazioni in prossimità, effettuare pagamenti di servizi abilitati attraverso il sistema autopay di WeChat. Una bella e, sopratutto, sicura comodità per i guidatori che non potranno essere concentrati – mani e occhi – sulla strada senza rinunciare a rispondere ad un messaggio o effettuare operazioni utili.

CONTINUA A LEGGERE