Capodanno su Facebook

Capodanno su Facebook

Condividi

In questi giorni la frase che va per la maggiore è: “cosa fai a capodanno?”. Mettendo per un attimo da parte la mia risposta enigmatica: “decido alle 23.59 del 31” mi chiedo quali siano le destinazioni più gettonate per l’anti-economico ma, ad avviso dei più, inevitabile, viaggio dell’ultimo dell’anno.
Facebook potrebbe dare qualche indicazione interessante. Analizzando Fan Page e Gruppi (le prime ormai hanno in media adesioni più elevate) emerge in un caso la vittoria del “Capodanno a Firenze” e nell’altro del “Capodanno a Capri”.

Pubblico qui la top ten assoluta dei luoghi più gettonati:

01.CAPODANNO A CAPRI: 871 iscritti

02.CAPODANNO A FIRENZE: 851 fans

03.CAPODANNO A BORMIO: 770 fans

04.CARISPARTY 2010! Il Capodanno a Cesena!: 731 fans

05.Capodanno a Roma: 638 fans

06.Capodanno a Budapest: 635 fans – destinazione straniera preferita su facebook

07.Capodanno 2010 a Roma: 594 fans – che se accorpati ai fan della pagina precedente e di alcune altre che occupano la top 20 rappresenterebbero la città più gradita

08.CAPODANNO A BERLINO: 523 iscritti

09.CAPODANNO A TRISSINO: 490 iscritti – non chiedetemi dove sia

10.Il Capodanno è solo a Madonna di Campiglio: 447 fans

Fatta la lista c’è da sottolineare che in realtà i gruppi del capodanno più gettonati (se si escudono quelli chiamati semplicemente: Capodanno) sono: quelli che non sanno che faranno alla fin fine a capodanno con: 3.536 fans e ……ma a CAPODANNO?? con: 2.317 iscritti

Hanno poco successo ma per dovere di cronaca sento la necessità di citare: Capodanno a Milano con 134 iscritti, in fondo alla classifica delle città nonostante la sua popolosità, ma sopratutto, la mia preferita tra le destinazioni suggerite: Capodanno a letto!!!, 96 iscritti.

3, 2, 1… Buonanotte!

Vincenzo Dell'Olio

Nei 15 anni di esperienza nel settore della comunicazione e del markerting digitale ha ideato e seguito le strategie di grandi Aziende come Volkswagen, Audi, Parmalat, Bonomelli, Riza Editore, Rai Trade, Monster, Sony Mobile, Vans, Red Bull. Dal 2015 è docente per il corso di Social Media e Web TV all’Università IULM di Milano. Scrive tanto, non è immune dalle serie tv e il sabato pomeriggio si dedica alla sociologia.

Lascia un commento